Brioches siciliane: ricetta originale con strutto

10 Giu 2024

Le brioches siciliane, conosciute anche come “brioche col tuppo” sono un’icona della pasticceria siciliana.

Questi soffici dolci, dalla caratteristica forma tondeggiante con una piccola cupoletta sopra, sono perfetti per essere gustati a colazione, magari accompagnati da una granita o da un gelato.

La loro preparazione richiede ingredienti semplici, ma è fondamentale seguire attentamente ogni passaggio per ottenere il risultato desiderato. Immergiamoci quindi nella preparazione delle brioches siciliane con la ricetta originale con strutto.

La tradizione delle brioche col tuppo

Le brioche col tuppo sono radicate nella cultura siciliana, rappresentando non solo un dolce amato, ma anche un simbolo di convivialità e tradizione.

Il nome “col tuppo” indica uno chignon, una particolare acconciatura usata dalle donne siciliane. La forma della brioche richiama infatti questa acconciatura, con la piccola cupoletta che rappresenta il nodo di capelli. Questa connessione culturale rende questi dolci non solo un piacere per il palato, ma anche un omaggio alle tradizioni locali.

Consumate spesso durante le festività o nelle occasioni speciali, le brioche col tuppo sono un elemento di aggregazione familiare, portando con sé storie e ricordi che si tramandano di generazione in generazione.

L’importanza dello strutto

Uno degli ingredienti chiave delle brioches siciliane è lo strutto, un ingrediente che ha una lunga tradizione nella cucina siciliana e viene utilizzato in molte preparazioni dolci e salate.

Questo grasso di origine animale conferisce alle brioches una morbidezza e una fragranza uniche, difficili da ottenere con altri tipi di grassi. Grazie alla sua particolare composizione, dona all’impasto infatti una consistenza vellutata e un sapore inconfondibile, rendendo le brioches irresistibilmente soffici. La sua capacità di mantenere l’umidità dell’impasto è ciò che rende questi dolci così speciali e durature.

Lo strutto Forma è un prodotto di qualità, che nasce nei nostri stabilimenti di Macomer, prodotto dalla nostra filiera e lavorato secondo le nostre procedure di qualità. Delicato nel gusto e nel profumo, aggiungerà gusto e fragranza a tutti i vostri dolci.

Ricetta originale delle brioches siciliane con strutto

INGREDIENTI

Ecco gli ingredienti necessari per preparare 4 brioches siciliane, ricetta originale con strutto:

  • 250 g di farina manitoba
  • 50 g di zucchero
  • 50 g di strutto Forma Carni
  • 10 g di lievito di birra fresco
  • 100 ml di latte intero
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 pizzico di sale
  • 1 arancia
  • 1 tuorlo d’uovo (per spennellare)
  • q.b. latte (per spennellare)

PROCEDIMENTO

Iniziamo dalla preparazione dell’impasto.

In una ciotola, sciogliete il lievito di birra nel latte tiepido insieme al cucchiaino di miele.

In una planetaria, invece, setacciate la farina e aggiungete lo zucchero, il sale e la scorza d’arancia grattugiata. Unite il latte con il lievito sciolto e iniziate a impastare a velocità bassa. Aggiungete l’uovo e continuare a impastare fino a ottenere un composto omogeneo.

Aggiungete poi lo strutto a pezzetti poco alla volta, continuando a impastare fino a quando l’impasto sarà liscio ed elastico.

È ora della lievitazione! Trasferite l’impasto in una ciotola leggermente unta e copritelo con pellicola trasparente. Lasciate lievitare in un luogo caldo per circa 2 ore, o fino al raddoppio del volume.

Una volta lievitato, formate le vostre brioches dividendo l’impasto in 4 parti uguali. Prendete ciascuna parte e formate una palla, poi create una piccola sfera con una piccola parte dell’impasto per formare il “tuppo.” Posizionare le sfere grandi su una teglia rivestita di carta forno, praticare un piccolo incavo al centro di ciascuna in cui inserire le sfere piccole.

Iniziate la seconda lievitazione: coprite le brioches con un panno e lasciatele lievitare per un’altra ora.

Per la cottura, preriscaldare il forno a 180°C. Spennellate i dolci con il tuorlo d’uovo sbattuto con un po’ di latte. Infornate per circa 20-25 minuti, o fino a quando saranno dorate.

Brioches siciliane: come conservarle?

Le brioches siciliane con strutto sono migliori se consumate fresche, ma possono essere conservate per alcuni giorni.

Una volta raffreddate, è possibile conservarle in un sacchetto di plastica ben chiuso o in un contenitore ermetico per mantenere la loro morbidezza.

In alternativa, si possono congelare e, al momento del consumo, riscaldare brevemente nel forno per farle tornare fragranti come appena sfornate.

Varianti delle brioches siciliane

Le brioches siciliane sono versatili e possono essere personalizzate con diverse varianti, permettendo di sperimentare e creare nuove combinazioni di sapori.

Oltre alla ricetta originale con strutto, esistono versioni ripiene di crema, marmellata o cioccolato. Alcune varianti prevedono l’aggiunta di uvetta o gocce di cioccolato nell’impasto.

In alcune zone della Sicilia, si usa aromatizzare l’impasto con un pizzico di cannella o aggiungere una spruzzata di liquore all’arancia.

Per un tocco moderno, si possono sperimentare ripieni salati, come formaggi e salumi, creando così una deliziosa merenda o uno spuntino sfizioso.

Qualunque sia la vostra scelta, ogni variante conserva la morbidezza e la fragranza tipica delle brioches siciliane, offrendo allo stesso tempo un’esperienza gustativa diversa e originale.

RICETTE & CONSIGLI

Tacos con carne macinata

I tacos sono una pietanza tipica della cucina tex-mex; si tratta di tortillas, simili alle nostre piadine, a base di farina di mais, piegate a metà per formare una mezzaluna e farcite con diversi ingredienti e condimenti.

Carne cruda alla piemontese

La carne cruda alla piemontese è una ricetta della tradizione che può essere servita come antipasto, leggero, ricco di sapore e sofisticato. La ricetta originale piemontese prevede che la carne sia battuta al coltello.

Filetto di maiale alla griglia

Il filetto di maiale alla griglia è un secondo piatto magro e semplice da realizzare anche per chi non è esperto in cucina. Richiede però una particolare attenzione nella cottura perché altrimenti rischia di diventare asciutto e stopposo.

News Aziendali

È online il nuovo sito

I nostri stabilimenti si trovano a Macomer, nel Marghine, ovvero nel cuore della Sardegna. Qui si sviluppa la nostra filiera e qui lavoriamo.

Nuova immagine per Forma Carni

I nostri stabilimenti si trovano a Macomer, nel Marghine, ovvero nel cuore della Sardegna. Qui si sviluppa la nostra filiera e qui lavoriamo.

Forma, il BBQ dell’estate

Arriva l’estate. E con l’estate arriva la voglia di stare all’aperto, anche per pranzo o a cena. I Barbeque si accendono e le occasioni si moltiplicano, perché niente è più buono e coinvolgente di una bella grigliata in compagnia della famiglia o degli amici, nel...

WordPress Lightbox